Esseri umani…

Sul trenino:
un ragazzo con le cuffie a tutta pompa che canta fregandosene di tutti: tutti lo guardano di sbircio prendendolo per matto e compatendolo preoccupati… ma lui se ne infischia e continua, sentendosi protagonista.
Tre uomini “ambigui” chiacchierano ad alta voce,  seduti uno di fronte all’altro, parlano male di donne in romanesco: tutti li ascoltano facendo finta di nulla…
Un uomo sale con un giovane cane, portandolo legato al collo con una cintura da pantaloni: il cane è bellissimo e fa una tenerezza struggente coricato col muso allungato ai piedi dell’uomo e gli occhi scuri spalancati, così schiavo del suo strano padrone, ma tanto per lui non fa differenza: un padrone è sempre un padrone.

Annunci